Home » Blog » Assicurazione Auto in Caso di Vendita o Acquisto Veicolo

Assicurazione Auto in Caso di Vendita o Acquisto Veicolo

Allo scadere della polizza assicurativa è possibile assicurare anche un’altra vettura in caso di vendita della polizza originaria.

Quando un’auto viene venduta, alle compagnie assicurative viene spesso chiesto cosa si dovrebbe fare con la copertura.

Le risposte alla domanda sono le seguenti:

  • Trasferimento del contratto.
  • Termine del contratto;
  • Cessione del contratto;

Per comprendere meglio questi metodi e cosa succede all’assicurazione dell’auto quando i veicoli vengono venduti, vediamo in cosa consistono.

Come viene assegnata una polizza di assicurazione auto?

Con la cessione del contratto assicurativo si cambia titolare della stessa polizza: la cessione deve essere effettuata entro sette giorni dalla vendita del veicolo.

Risoluzione della polizza assicurativa auto

Quando un assicurato vende la sua automobile, disdice anche il contratto di assicurazione. Questo è senza dubbio il metodo più comune.

Con la risoluzione del contratto di assicurazione cessa anche il rapporto tra l’assicurato e l’assicuratore. Una disciplina completamente diversa è l’affidamento di un contratto, nonostante l’assonanza linguistica.

È possibile assegnare una polizza di assicurazione auto?

È importante sapere che quando si acquista un’auto si può scegliere di far trasferire l’assicurazione del vecchio proprietario, e in quel momento si può rinnovare la polizza alle stesse condizioni, o acquistare una nuova polizza con un’altra compagnia assicurativa.

Tuttavia, il certificato di rischio non viene fornito all’acquirente che ha assunto il contratto di polizza al momento della disdetta, poiché il documento viene inviato direttamente al contraente originario.

Un nuovo proprietario può beneficiare di questo tipo di operazione solo se non possiede un’altra auto e non è in una classe più vantaggiosa.

Decidiamo di non sostituire la nostra macchina; cosa succede dopo? Si sottolinea che l’assicurato ha diritto al rimborso dei premi assicurativi pagati ma non fruiti, come spiegato dall’IVASS.

La risoluzione del contratto può essere richiesta, infatti, in caso di vendita dell’auto, presentando la documentazione attestante il passaggio di proprietà.

La quota di premio non prelevata è rimborsabile al netto delle tasse e del contributo del Servizio Sanitario Nazionale. Al termine del periodo di osservazione viene fornito al cliente un certificato dello stato di rischio.

La polizza non può essere trasferita ad altro veicolo di proprietà di un parente, come un figlio, se la persona vuole vendere il veicolo. Puoi trasferire il contratto RCAuto solo se sei proprietario dell’auto.

L’acquisto di un’automobile, che non si intende vendere o demolire, al solo scopo di trasferire il contratto dalla prima alla seconda non cambia la situazione. In questi casi è ancora contro la legge.

Attualmente, l’assicuratore sostiene che i contratti possono essere trasferiti ad altro veicolo assicurato solo a seguito di una documentata vendita, consegna e demolizione del veicolo originale, esportazione all’estero o sospensione del contratto con restituzione delle targhe all’assicurazione fornitore.

In base alla legge Bersani (legge 40/2007) e al Decreto Tributario 2020, invece, può essere stipulato un nuovo contratto con assegnazione della stessa classe di merito di quella del primo veicolo.

Puoi utilizzare il nostro comparatore online per ricercare le migliori tariffe assicurative per privati ​​e famiglie su veicoli di qualsiasi tipologia, anche se differiscono nella tipologia dal veicolo già assicurato o sul quale intendi assicurare.

In questo caso, tutti i mezzi di trasporto di proprietà di una famiglia sono interessati dai Decreti Bersani. Grazie a questa misura, le famiglie italiane possono ottenere un premio più basso sulla loro assicurazione grazie a questa innovazione.

Può anche accadere che entro il primo anno dall’acquisto di una nuova auto venga offerta una polizza gratuita. Se il periodo di validità è scaduto, il cliente dovrà trovare un altro assicuratore o stare presso la stessa compagnia, che in ogni caso sarà tenuta a riconoscere al cliente la stessa classe di merito di prima dell’accettazione dell’assicurazione gratuita, sempre che gli eventuali reclami fossero sostenute durante il periodo di validità.

Puoi beneficiare della responsabilità familiare al termine del periodo gratuito. Puoi usufruire di questa agevolazione se, prima di accettare la polizza, avevi i requisiti necessari.

Gli assicuratori dovranno riconoscere la classe di merito maturata su un veicolo familiare a condizione che il veicolo non sia stato coinvolto in un sinistro durante il periodo gratuito, secondo l’Istituto di Vigilanza Assicurativa.

autore del sito Assicurazionialtelefono.it

L’Autore

Marco P.

Da anni sono appassionato di economia e finanza, e il mio obbiettivo con questo sito è quello di chiarire alcuni dubbi e quesiti riguardanti il settore delle assicurazioni.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.