Home » Blog » Assicurazione terremoto: cos’è, come funziona e cosa copre

Assicurazione terremoto: cos’è, come funziona e cosa copre

Eventi sismici di grande importanza sono spesso vissuti dal nostro paese.

In questo contesto, basti pensare a quegli eventi che hanno devastato L’Aquila, hanno avuto ripercussioni sull’Emilia Romagna e hanno toccato un’area estesa dall’Umbria alle Marche nel corso del nuovo millennio.

Ancora oggi le zone colpite hanno impiegato molto tempo per riprendersi dalla tragedia che ha lasciato una sanguinosa scia di distruzione.

Le persone delle vecchie generazioni ricordano il catastrofico terremoto che devastò l’Irpinia nel 1980, con una ricostruzione che generò molte polemiche per il modo inefficiente e disordinato in cui fu condotta.

Cosa copre l’assicurazione contro i terremoti?

Gli italiani discutono di assicurazione antisismica ogni volta che si verifica un terremoto, ovvero la polizza che rimborsa un abbonato se la sua casa subisce un grave sisma.

Di conseguenza, se il contratto prevede le modalità di disdetta o, quantomeno, di riduzione delle spese per ripristinare o ricostruire la casa danneggiata, può essere possibile annullare o ridurre le spese.

Le attuali polizze assicurative prevedono il rimborso totale dei danni causati da un terremoto, così come le spese per riparare o ricostruire il danno.

Bisogna poi dettagliare come la casa può essere assicurata oltre al suo contenuto, come i mobili, gli oggetti d’arte, gli elettrodomestici e così via, così come l’incolumità fisica dei residenti.

Anche i saccheggiatori sono coperti, così come gli eventi collaterali come gli incendi e i furti causati dai saccheggiatori.

Questo tipo di polizza solleva naturalmente domande sul costo. Infatti, il premio per metro quadrato è calcolato in base alla posizione della casa assicurata e può variare da 2,5 euro a 4 euro.

C’è un minimo per le zone a basso rischio sismico e un massimo per le zone a rischio sismico. A questi preventivi iniziali si aggiunge poi un premio minimo.

Ci sono molte zone in Italia, comprese quelle che sono state vittime di terremoti disastrosi in passato, ad alto rischio sismico, dove si possono pagare circa 500 euro al mese per una casa di 100 metri quadrati.

Negli ultimi anni, l’assicurazione contro i terremoti è diventata sempre più popolare in Italia. Perché?

A seguito dei continui disastri sismici che hanno costi molto alti per le casse dello Stato, molti hanno sostenuto che dovrebbe essere obbligatoria.

Questo tipo di assicurazione, infatti, al momento è volontaria e non è obbligatoria. Le statistiche mostrano che solo il 2% delle case private sono attualmente assicurate con polizze specifiche, mentre il 5% è coperto per i disastri naturali.

autore del sito Assicurazionialtelefono.it

L’Autore

Marco P.

Da anni sono appassionato di economia e finanza, e il mio obbiettivo con questo sito è quello di chiarire alcuni dubbi e quesiti riguardanti il settore delle assicurazioni.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.