Home » Blog » Assicurazioni per Tirocinanti e Stage: Come Assicurarli e Obblighi

Assicurazioni per Tirocinanti e Stage: Come Assicurarli e Obblighi

Assicurazioni per Tirocinanti e Stage

I tirocinanti e gli stagisti sono protetti dalla legge del 25 marzo 1998 n. 142, e in particolare dall’articolo 3, che impone l’uso di un’assicurazione che copra tutti i rischi.

L’assicurazione stagisti è quindi un obbligo che protegge gli stagisti da qualsiasi danno che si verifichi nell’ambiente di lavoro. Questo modulo copre qualsiasi danno a terzi o alla proprietà causato da una persona assicurata mentre è studente o apprendista.

Se c’è qualche dubbio, l’Inail specifica riguardo all’assicurazione per lo stage che bisogna distinguere tra curriculari ed extracurriculari (questi fanno parte del pacchetto formativo e quindi sono obbligatori).

Indipendentemente da ciò, è sempre obbligatorio stipulare un’assicurazione sia per uno stage che sta facendo dopo la laurea sia per uno stage ospedaliero che sta facendo come parte del suo curriculum universitario.

Potete anche consultare l’approfondimento dell’INAIL per ulteriori chiarimenti.

Perché è importante l’assicurazione per lo stage e l’apprendistato?

La risposta è semplice: possono sorgere gli stessi problemi, indipendentemente dal fatto che questa forma di impiego sia un lavoro subordinato o meno.

Quindi l’assicurazione è obbligatoria per tutti gli stage, che siano volontari, post laurea o a breve termine. Per essere efficace, la polizza deve essere implementata al momento dell’attivazione dello stage.

Protezioni nelle polizze assicurative per gli stagisti

Gli stagisti e i tirocinanti sono coperti tanto quanto i professionisti.

Serve a proteggere il soggetto e i suoi beni perché sta esercitando una professione e quindi è esposto a un rischio, nonostante sia in un rapporto di lavoro temporaneo.

Come per qualsiasi pacchetto assicurativo, la compagnia di assicurazione comunica in anticipo l’importo massimo che sarà coperto in caso di sinistro, e la sua copertura è paragonabile a quella di altri pacchetti. Si concorda un importo di pagamento, così come l’importo che sarà previsto nel caso in cui sia necessario un risarcimento danni.

In questo tipo di assicurazione, la RCO è coperta per i danni a cose e persone e per qualsiasi problema aggiuntivo creato dai danni durante le sue attività. Spiega tutti i casi che sono coperti dall’assicurazione e tutti quelli che non lo sono (come i danni professionali derivanti da compiti di terzi estranei al suo campo). Per capire cosa è protetto, è fondamentale che legga e comprenda la polizza e ogni definizione.

Come può ottenere un’assicurazione professionale normale per uno stagista?

Durante un tirocinio lei pratica la sua professione per sviluppare le sue capacità. Ha quindi uno scopo professionalizzante, ma viene dato da una persona che di solito svolge questa funzione ad un apprendista (di solito l’imprenditore). Quindi l’insegnamento permette di dare forma a figure professionali.

La maggior parte dei corsi universitari italiani prevede un periodo di apprendistato o stage. Queste opzioni di percorso non si limitano all’area curriculare, ma possono essere prese anche all’esterno, a seconda delle esigenze dell’individuo, anche in aree che non richiedono una laurea. Può leggere di più su questo rapporto di lavoro qui: https://www.lavoroediritti.com/abclavoro/tirocinio-formativo-come-funziona

L’assicurazione INAIL è una delle garanzie che la legge prevede. Gli stage sono pensati per preparare gli studenti all’inserimento nel mondo reale del lavoro, quindi rimane un rapporto di dipendenza. Gli stage variano molto tra loro, ma una cosa che hanno tutti in comune è che la loro durata è limitata. Infatti non possono fornire le caratteristiche di un normale professionista poiché mancano di tutti gli elementi necessari per una formazione efficace e poi lo svolgimento delle proprie mansioni.

Una polizza professionale non è una soluzione perché, anche con i premi più bassi, non è l’opzione giusta per lei, dato che dichiarerà qualcosa di non vero, che poi comprometterà la sua condotta in caso di sinistro.

La durata di uno stage o apprendistato può variare da due mesi a due anni, ma la copertura inizia generalmente a due mesi. Perché questa polizza funzioni è necessario raggiungere un accordo con l’istituzione che promuove lo stage, in modo da definirne la durata, la data di inizio e le credenziali del tutor.

Per rispettare i requisiti della legge, questi elementi sono essenziali. Due motivi rendono le date cruciali in queste circostanze, uno per evitare di pagare un premio eccessivo e l’altro per evitare una durata diversa da quella indicata. Questo potrebbe influire sulla validità dell’assicurazione, specialmente se l’assicurazione inizia dopo un certo periodo di tempo.

Assicurazione per stage post-laurea

I corsi accademici richiedono il completamento di stage. Questi possono essere completati anche dopo la laurea, pur mantenendo un legame con la sua università. In questo caso si raccomanda di accedere al sito dell’università o di contattare la segreteria dell’università prima di sottoscrivere una polizza post-laurea che copra gli stage o i tirocini.

Quasi tutte le università italiane hanno accordi speciali con aziende specifiche di cui l’università è responsabile, il che dà all’università accesso diretto alle loro polizze e alle politiche di particolari aziende. È comunque possibile stipulare un’assicurazione personale, vagliando le migliori offerte se la sua università non ne offre una.

Assicurare gli stage negli ospedali: informazioni importanti

Se sta stipulando un’assicurazione per uno stage, deve sempre specificare il suo scopo, anche se è volontario. Gli stage ospedalieri sono spesso coperti da polizze speciali presso molte aziende. Queste polizze coprono sia i danni a terzi (morte, lesioni, ecc.) sia i danni a oggetti, locali, strumenti e attrezzature. Una polizza medica specifica per gli stagisti ospedalieri. Essendo una professione ad alto rischio, gli stagisti hanno bisogno di una protezione specializzata.

Gli studenti tirocinanti negli ospedali sono coinvolti nel loro curriculum e fanno stage negli ospedali pubblici. Poi, in questo caso, è necessario completare uno stage per ottenere la licenza. Non ci sono mansioni o compiti approfonditi per lo stagista in questo caso, e quindi non può prendere decisioni che potrebbero influenzare la vita degli altri o firmare documenti.

Poiché non si tratta di un rapporto di lavoro, le parti non hanno un legame preciso tra loro. Una decisione della Corte di Cassazione ha stabilito che un tirocinante che si trova in ospedale tranne che per quelle interazioni dirette con i pazienti è personalmente responsabile di qualsiasi problema che possa sorgere. Dato che si trova in un ambiente rischioso, una polizza infortuni non è richiesta dalla legge.

Assicurazione per tirocinanti e apprendisti all’estero

Come conseguenza delle recenti tendenze nel mercato del lavoro, molti giovani scelgono di fare stage e apprendistato all’estero, fuori dal loro paese di residenza. Molti giovani si chiedono quali siano i regolamenti in questo caso e come procedere.

Si raccomanda a stagisti e apprendisti di stipulare un’assicurazione, anche se si trovano fuori dal loro paese, perché non esiste una regolamentazione uniforme. Le assicurazioni offerte dalle compagnie italiane per i viaggi all’estero sono essenziali perché coprono sia l’aspetto civile che quello medico dell’assicurato e sono quindi complete.

È assolutamente necessario che gli studenti o altre persone che intendono viaggiare in un paese europeo stipulino un’assicurazione medica. Il decreto 395/2007 del 23 marzo 2007 e il decreto 592 del 2014 impongono questo obbligo agli stagisti professionisti.

Molte di queste compagnie forniscono servizi aggiuntivi rispetto alle compagnie italiane, come il rimpatrio d’emergenza, i servizi di trasporto medico e il supporto ai familiari all’estero. Di solito ci sono due opzioni di copertura: una polizza di responsabilità civile e infortuni e una che copre il viaggio, la consegna di medicinali, il recupero in caso di furto, l’assistenza legale e la convalescenza, per non parlare di altre opzioni.

Il processo di stipula di un’assicurazione di stage o tirocinio

Per completare il processo deve compilare tutte le informazioni necessarie sul periodo per cui ha bisogno dell’assicurazione. Nel caso in cui la polizza venga stipulata dopo l’inizio del lavoro, non sarà valida nei giorni non coperti. È imperativo che tutte le informazioni riguardanti il periodo di stage, il tipo di stage, i tempi, la durata e così via, siano chiare e dettagliate.

Esistono tre tipi di assicurazione: incidenti (nel caso in cui una persona venga ferita), responsabilità civile (nel caso in cui lei danneggi terzi) e responsabilità civile (se altre persone vengono ferite a causa delle sue azioni).

Ci sono molti problemi seri che potrebbero sorgere durante il periodo di tirocinio, il che rende il non avere un’assicurazione un enorme no-no. I limiti della polizza assicurativa coprono sempre i danni, anche per importi elevati, quindi è imperativo assicurarsi prima di iniziare il lavoro.

autore del sito Assicurazionialtelefono.it

L’Autore

Marco P.

Da anni sono appassionato di economia e finanza, e il mio obbiettivo con questo sito è quello di chiarire alcuni dubbi e quesiti riguardanti il settore delle assicurazioni.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.