Home » Blog » I Broker Assicurativi o Mediatori: Chi Sono e Cosa Fanno

I Broker Assicurativi o Mediatori: Chi Sono e Cosa Fanno

Scegliendo un broker assicurativo piuttosto che un agente unico, ci si affida ad un professionista indipendente il cui compito è quello di mediare tra le esigenze del cliente e la varietà di compagnie sul mercato assicurativo: per definizione, il broker non è associato a nessuna compagnia specifica.

Secondo il Codice delle Assicurazioni (Decreto Legislativo del 2005), questa professione è definita come assistere i consumatori o le aziende che vogliono stipulare una polizza assicurativa firmando, gestendo ed eseguendo il contratto.

Per quanto riguarda l’Italia, questa possibilità è stata inizialmente imposta tra compagnie e assicuratori, poi è diventata uno strumento utile anche per i consumatori privati. Ci sono circa 1.300 broker assicurativi in Italia, rendendo la pratica relativamente rara (meno del 3% delle polizze sono organizzate da broker indipendenti).

Per legge, i broker sono tenuti a dichiarare e dimostrare quante commissioni vengono pagate dalle compagnie di assicurazione per il loro lavoro di intermediazione. La trasparenza è fondamentale per assicurare che il lavoro del broker sia sempre trasparente in modo che sia il cliente ad ottenere la polizza più conveniente, non il broker.

Assumendo un broker, gli permetti di esaminare il mercato per trovare la giusta corrispondenza tra le esigenze dell’acquirente e le opportunità disponibili.

I broker indipendenti forniscono ai clienti una prospettiva personalizzata e integrata su tutte le loro esigenze assicurative. Per valutare i rischi e le opportunità del mercato, si assume una conoscenza globale e aggiornata che fornisce la base per questa personalizzazione.

Un broker deve essere iscritto in un registro mantenuto dall’IVASS, e per diventare membro del registro deve superare un esame di ammissione (requisito di professionalità), dimostrare la propria integrità ed essere libero da relazioni privilegiate con le singole compagnie di assicurazione (requisito di autonomia). Deve essere inclusa anche una garanzia che protegga i premi del cliente, oltre alla loro copertura assicurativa per la responsabilità professionale.

Inoltre, i broker di assicurazione e riassicurazione sono coperti da un fondo di garanzia che fornisce un risarcimento per i danni causati dall’attività dei broker che non possono essere indennizzati attraverso le polizze di responsabilità civile.

Gli assicurati sono guidati dai broker nella scelta della giusta polizza fino alla firma del contratto, che diventa effettivo il giorno seguente a mezzanotte. I broker devono anche assistere l’assicurato in caso di sinistro. Le revisioni periodiche del contratto di assicurazione sono anche responsabilità del broker.

autore del sito Assicurazionialtelefono.it

L’Autore

Marco P.

Da anni sono appassionato di economia e finanza, e il mio obbiettivo con questo sito è quello di chiarire alcuni dubbi e quesiti riguardanti il settore delle assicurazioni.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.