Home » Blog » Come Immatricolare un’Auto Nuova

Come Immatricolare un’Auto Nuova

Prima che una nuova auto possa essere guidata sulla strada, deve essere registrata.

Poiché tutto viene fatto elettronicamente, il tempo per questa procedura è generalmente molto breve rispetto al passato.

Nella maggior parte dei casi, le concessionarie registrano i nuovi veicoli dopo aver verificato che il veicolo è stato pagato o dopo aver accettato il finanziamento.

Questo tempo può essere esteso se l’auto non è ancora stata consegnata, e sarà basato sulle richieste di messa a punto del veicolo e non su preoccupazioni burocratiche. Raramente ci vogliono più di 45 giorni.

La Motorizzazione Civile è l’ente responsabile della registrazione di nuovi veicoli in Italia, con uffici locali in ogni provincia. In questo ufficio, le registrazioni sono presentate al pubblico registro dei veicoli a motore, il PRA.

Tra il momento dell’acquisto e la registrazione delle auto in magazzino, sono necessari circa tre o quattro giorni lavorativi.

Per poter stipulare un’assicurazione auto, una nuova auto deve avere una targa assegnata. È necessario mantenere la copertura della responsabilità civile auto anche se il veicolo è registrato. Dopo aver stampato le targhe, viene stampato il libretto di circolazione con tutti i dati tecnici del veicolo, il suo equipaggiamento e le informazioni personali del proprietario.

È possibile pagare tariffe diverse per alcune voci a seconda della tua provincia di residenza. Le targhe, per esempio, costano in media 30 euro. Per registrarsi al PRA, devi pagare 32 euro di bollo, mentre per ottenere i diritti DDT, devi pagare 10, 20 euro di bollo.

Inoltre, c’è un vaglia postale di 27 euro da versare all’ACI. C’è anche l’Imposta Provinciale di Trascrizione, che si basa sui kW di potenza dell’auto. Puoi chiedere direttamente al concessionario a quanto ammonta il costo nella tua provincia se l’auto supera i 53 kW. Le stesse informazioni sono disponibili sul sito web dell’ACI.

Documenti di registrazione

Un’auto nuova deve essere registrata presentando una copia di alcuni documenti al concessionario.

Per ottenere il certificato di residenza, devi presentare la carta d’identità rilasciata dallo Stato, la patente di guida, il codice fiscale e la tessera sanitaria, che possono essere ottenuti presso l’Ufficio del Registro Comunale.

In alternativa, il proprietario può registrare lui stesso il nuovo veicolo. L’atto di vendita deve essere richiesto al concessionario per poter procedere. I richiedenti dovranno presentare le domande di registrazione allo Sportello dell’Automobilista, che le invierà elettronicamente all’ACI e alla DMV.

Inoltre, sia il certificato di proprietà che il certificato di registrazione possono essere ottenuti in breve tempo in questo caso. Nel caso di registrazione diretta, il proprietario avrà 2 mesi di tempo per completare la registrazione al PRA, compilando gli appositi moduli.

Un’automobile la cui targa proviene dall’estero viene registrata

Un’automobile con targa straniera ha un processo di registrazione diverso a seconda del suo paese d’origine.

È probabile che tu possa ottenerla all’Ufficio della Motorizzazione Civile o allo Sportello Telematico Automobilistico se è un membro dell’Unione Europea. Il certificato di registrazione sarà ottenuto presso uno di questi due uffici e, come per un’auto italiana, dovrà essere registrato al PRA entro due mesi.

Dovrai mostrare la conferma del pagamento delle tasse quando acquisti un’auto nuova da un membro del SEE, come l’Islanda o la Scandinavia. Successivamente, dovrai mostrare anche la documentazione del pagamento dell’IVA in Italia. I paesi dell’Unione Europea avranno bisogno della stessa documentazione.

L’accertamento fiscale ti richiederà di presentare ulteriori documenti oltre a quelli elencati sopra. Ci sono diversi modi per dimostrare l’indirizzo, compresi i documenti di identificazione, i certificati di residenza o le dichiarazioni sostitutive.

C’è anche l’atto di vendita, che deve essere autenticato. Una copia del permesso di soggiorno, se il proprietario è un cittadino non UE, e il modulo TT2119 sono i documenti specifici richiesti per questo tipo di registrazione.

autore del sito Assicurazionialtelefono.it

L’Autore

Marco P.

Da anni sono appassionato di economia e finanza, e il mio obbiettivo con questo sito è quello di chiarire alcuni dubbi e quesiti riguardanti il settore delle assicurazioni.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.