Home » Blog » Targa Prova Moto: no sui veicoli già immatricolati

Targa Prova Moto: no sui veicoli già immatricolati

Le targhe di prova non possono essere utilizzate su veicoli già registrati dopo una sentenza della Corte Suprema.

Infatti, la sentenza 17665 del 25 agosto 2020 ha dichiarato illegittimo questo tipo di targa nei casi in cui il veicolo ha già una carta di circolazione. Supponendo che il veicolo non fosse coperto da assicurazione, sembrerebbe un pensiero irrilevante…

In realtà, è frequente che riparatori e concessionari facciano circolare moto di proprietà dei loro clienti per usufruire della copertura assicurativa associata proprio alla targa di prova, evitando di scaricare i rischi di un incidente sul cliente. O, peggio ancora, evitare di far circolare una moto senza copertura assicurativa, come ad esempio spostarla da un punto vendita all’altro, o regalarla a un nuovo proprietario.

Tuttavia, da dove viene la regola?

La targa di prova ha un’interpretazione piuttosto rigida, che permetterebbe di far circolare, come eccezione, veicoli senza la documentazione richiesta. Ci sono anche veicoli non registrati senza targhe e documenti di registrazione. Una moto è esente da tassazione non appena ha una targa e una registrazione.

Il futuro sembra promettente.

autore del sito Assicurazionialtelefono.it

L’Autore

Marco P.

Da anni sono appassionato di economia e finanza, e il mio obbiettivo con questo sito è quello di chiarire alcuni dubbi e quesiti riguardanti il settore delle assicurazioni.

Torna alla homepage

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.